Il 12 marzo 2010, dalle 13:30 alle 14:30 una delegazione dei promotori della Campagna popolare per l'agricoltura contadina è stata ricevuta a Roma, presso il Ministero per le Politiche Agricole, dal dott. Franco Contarin, responsabile del settore tecnico del Ministero, incaricato dal ministro Luca Zaia di organizzare un primo incontro esplorativo.

Le organizzazioni impegnate nella campagna No Patents On Seeds sono preoccupati per l'aumento del numero di brevetti su piante, semi, animali da fattoria e il loro impatto sugli agricoltori, allevatori, l'innovazione e la biodiversità. Questi brevetti costituiscono un ulteriore mezzo di dipendenza per gli agricoltori, gli allevatori, i produttori e i consumatori. Questi brevetti devono essere considerate come appropriazione indebita di risorse essenziali per la pratica aziendale e agricola per la produzione di cibo e come un generale di abuso del diritto dei brevetti. Riteniamo urgente ripensare Europea, diritto dei brevetti nel campo della biotecnologia e degli allevamento e promuoviamo lo sviluppo di una chiara normativa che escluda dalla brevettabilità dei processi quelli relativ all'allevamento, il materiale genetico di piante e animali e alimenti derivati.

Altre info qui

Resta aggiornato @NoPatentsOnSeed

Carissimi,

oggi, 20 settembre 2017, il Gruppo di Lavoro Intergovernativo sui Diritti Umani delle Nazioni Unite si sta riunendo nella sua 36° Sessione; la nostra petizione sui Diritti dei Contadini è riuscita a raggiungere questa sessione, infatti verrà presentata dal Presidente del Gruppo di Lavoro.