DYNAVERSITY analyses and describes the actors involved in plant genetic conservation for agriculture in order to suggest management and governance models and to construct new forms of networking. It facilitates exchange and integration of scientific as well as practical knowledge on how to best manage diversity in agriculture and in the entire food chain, restoring evolutionary and adaptation processes.

CERERE - Rinascimento dei cereali in Europa: incorporare la diversità nei sistemi alimentari da agricoltura biologica e a basso input

Grazie alla creazione di una solida rete multi-attore tra le comunità di pratica ed i ricercatori, il progetto CERERE si propone di convalidare, condividere e presentare le migliori pratiche esistenti sull'agrobiodiversità dei cereali e sulla qualità degli alimenti integrandole con i risultati della ricerca.

Massimizzare l’uso di sementi bio, specificatamente adattate per l’agricoltura bio!

Un nuovo progetto europeo di ricerca per promuovere le sementi biologiche.

I semi sono le fondamenta dell’agricoltura. Per questo motivo, l’agricoltura biologica dovrebbe essere basata sull’uso di sementi biologiche. L’utilizzo di sementi biologiche costituisce un requisto per la produzione di prodotti alimentari certificati bio: tuttavia sementi convenzionali non trattate, vengono spesso utilizzate in deroga, in molti paesi europei.

DIVERSIFOOD é un progetto europeo, finanziato dal programma Horizon 2020, e avente per obiettivo la promozione di un nuovo paradigma dei sistemi alimentare . L’ambizione del progetto é: “integrare la diversità delle colture e la creazione di reti per i sistemi alimentari locali, di alta qualità”.

L’agricoltura industriale sta promuovendo una nuova fase basata sull’idea che l’uso di tecnologie e dati permette di incrementare l’efficienza della produzione agricola, migliorando l’uso delle risorse. Le politiche di innovazione a livello europeo e globale promuovono l’applicazione di un approccio high-tech al settore agricolo. Gran parte degli strumenti tecnologici sviluppati per l’agricoltura sono diretti a grandi aziende industriali che possono investire su queste tecnologie.