Letture Suggerite

Questa sezione del sito presenta alcune delle pubblicazioni più rilevanti inerenti le nostre attività. In particolare presentiamo i lavori pubblicati con la casa editrice Pentagora con cui Rete Semi Rurali ha sviluppato una collana specifica legata alla sementi e all'agricoltura contadina.

Buona lettura!

Se volete contribuire alla biblioteca inviateci segnalazioni a info@semirurali.net o libri alla nostra sede di Scandicci.

LA LUNA E L'AGRICOLTURA

L'influenza della luna nei lavori di terra, bosco e cantina

a cura di Agostino Casagrande

Pentàgora, Ottobre 2015, p. 114, euro 10

 

I giorni più adatti per concimare, seminare, lavorare i campi, raccogliere i frutti, mettere a fermentare il mosto, innestare, potare, tosare, tagliare la legna, allevare i bachi da seta, fare schiudere le uova dei pulcini, somministrare il verderame, tagliare le erbe da foraggio... spiegati da Lari - che ne ha scritto agli inizi del secolo XX - con stile semplice e narrativo.

 

 

-----------------------------------

 

Per richiedere i libri: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Donatella MURTAS

PIETRA SU PIETRA

Costruire, mantenere, recuperare i muretti a secco.

Guida pratica, divulgativa e illustrata alla costruzione, alla manutenzione e al recupero dei muretti in pietra a secco, perché chi vive sulle colline, le montagne e le coste scoscese del nostro Paese possa continuare o tornare a prendersi cura dei propri terrazzamenti.

Buongiorno,

segnalo che è uscito IL BUGIARDINO 2016

tradizionale almanacco rurale e sapienziale, meteognostico e cordiale

con l'agenda lunare completamente ripensata.

Si può richiedere, inviando 5 euro a:

CONSORZIO DELLA QUARANTINA

c.p. 40 - ufficio postale 06

via di Francia

16149 GENOVA

Nikolaj I. VAVILOV

 L’ORIGINEDELLE PIANTE COLTIVATE

I centri di diffusione della diversità agricola (1926)

 

Prima traduzione italiana del capolavoro di uno dei giganti nel mondo della genetica agraria del Novecento, il primo a riconoscere i centri di origine delle piante coltivate, e a capire che la conservazione della diversità è essenziale per lo sviluppo dell’agricoltura e la sopravvivenza dell’umanità.