Si segnala il seguente articolo scientifico dal titolo: "Effetti del consumo a breve termine di pane ottenuto da una vecchia varietà di frumento italiano sulle variabili lipidiche, infiammatorie ed emoreologiche: uno studio di intervento"

Sono passati anni dalla ratifica dell'Italia della Convenzione Internazionale e vincolante di Rio de Janeiro sulla Biodiversità.. sarà la volta buona?

 

Attualmente il Ministero dell'Ambiente è impegnato a raccogliere i contributi per la stesura della bozza dell'importante documento programmatico "Strategia Nazionale per la Biodiversità".
I contributi saranno raccolti durante 3 Workshop, della durata di un giorno, che si terranno tra la fine di aprile e le prime due settimane di maggio il 29 aprile a Firenze, il 6 maggio a Padova e il 13 maggio a Napoli. I contributi raccolti saranno riportati durante le giornate romane del 20-22 maggio alla "1° conferenza Nazionale sulla Biodiversità".
I lavori prevedono il coinvolgimento degli utenti (attori istituzionali, economici, sociali e culturali) che possono inviare i commenti all'attuale bozza.
per maggiori informazioni www.minambiente.it

NOTIZIE brevi DAL CONSORZIO - 004 - del 12 aprile 2010

IERI SI E' SVOLTA LA NOSTRA ASSEMBLEA ANNUALE
Ieri, 11 aprile, ci siamo incontrati a Torriglia per la nostra assemblea annuale. Eravamo una trentina (l'elenco dei presenti e il verbale dell'assemblea, preparato da Sergio Rossi, occuperanno il prossimo notiziario). In un clima rispettoso e costruttivo, abbiamo toccato diversi argomenti: dal Mandillo dei Semi (sul quale si è costituito un gruppo di confronto e decisione che allarga il CD), all'autocertificazione. Si è parlato ovviamente di bilancio consuntivo e, per la prima volta, di bilancio preventivo. La giornata si è conclusa con una merenda in comune, grazie ai piatti e al vino portati da alcuni soci, per festeggiare i primi dieci anni (!) del nostro sodalizio.

Lo scambio è avvenuto il 14 aprile durante la manifestazione “Non vogliamo OGM” e fa parte delle azioni della campagna portata avanti dalla Red de Semillas spagnola “Coltivia la diversità. Semina i tuoi diritti”.

 

La campagna denuncia la serietà del problema della perdita della diversità nelle campagne spagnole, ha lo scopo di portare all’attenzione della società civile la necessità di conservare e mantenere la biodiversità agricola locale come garanzia di sicurezza e sovranità alimentare e di fare pressione sulle istituzioni politiche spagnole affinché le varietà agricole locali e tradizionali ritornino nei contesti rurali e affinché gli agricoltori siano liberi di produrre, scambiare e vendere i propri semi.
Per il 17 aprile, sempre a Madrid, durante la “Giornata internazionale della lotta contadina” la Red de Semillas, sotto lo slogan “per la difesa delle varietà tradizionali e del libero scambio delle sementi” promuoverà il dono e lo scambio di semi.
Per maggiori informazioni: http://www.siembratusderechos.info/

3600 varietà, di cui si consumano solo 4-5 ecotipi.

 

Il 13 e 14 marzo a Castel Lagopesole- Avigliano (PZ) si è svolta la prima rassegna organizzata dall'Azienda agricola sperimentale dimostrativa dell'Alsia "Pantano" di Pignola, in collaborazione con l'Istituto agrario "G. Fortunato" di Lagopesole, la Comunità montana Alto Basento, la Coldiretti Basilicata, il Parco dell'Appennino lucano e la Provincia di Potenza, sulle attività di ricerca e tutela della biodiversità agricola dell’area.
L'iniziativa rientra nella più ampia azione di valorizzazione delle produzioni tipiche dell'Alto Basento, realizzata con la locale Comunità Montana, ma ha voluto portare l'attenzione sulla vasta gamma di fagioli esistenti. Sono circa 3.600 infatti le varietà, ma se ne consumano solo 4 o 5 ecotipi, determinando così a una progressiva scomparsa delle altre.
Durante la rassegna si è allestita una mostra di campioni di fagioli provenienti da tutta Italia, oltre che dalla Basilicata. In Basilicata sono 5 le tipologie di fagioli valorizzate e certificate: il Fagiolo di Sarconi Igp, il Fagiolo bianco di Rotonda Dop, il Fagiolo ross scritto di Pantano di Pignola, il Fagiolo di Rotale di Rivello. Tutte varietà che si sono "sfidate" nel concorso culinario di domenica 14 marzo, presso la sede dell'Istituto agrario. Il programma della giornata ha previsto inoltre una tavola rotonda alle ore 11,00 dal titolo "Il fagiolo italiano: recupero, valorizzazione, tipicità", e la proclamazione del "Fagiolo lucano 2010".