RIguardo al dibattito che si sta sviluppando a livello europeo sulle nuove tecniche di miglioramento genetico (New Plant Breeding Techniques - NBPTs) emerge netta la posizione del mondo del biologico e dell’associazionismo.

 Queste nuove tecniche devono seguire lo stesso iter normativo degli organismi geneticamente manipolati

 Di seguito l'introduzione al documento che mettiamo a disposizione in PDF (inglese)

Con il primo incontro svoltori ad Atene prende il via il progetto CAPSELLA in cui siamo conivolti insieme con Scuola di Studi Superiori Sant'Anna di Pisa e che opererà sulla agrobiodiversità insieme con attori delle tecnoligie dell'informazione (Information and Communication Technology - ITC)

 

comunicato stampa del primo incontro

 

www.capsella.eu

Risoluzione sul #TTIP a Strasburgo: ecco cosa puoi fare tu*
>
> *1 – Il 7 luglio sostieni e partecipa al #TTIPtuesday – qui tutte le indicazioni <http://stop-ttip-italia.net/ttiptuesday/>*
>
> *2 – Invia e fai inviare la lettera agli europarlamentari – come riportato qui <http://stop-ttip-italia.net/il-7-e-8-luglio-il-ttip-torna-a-strasburgo-ecco-cosa-puoi-fare-tu/>
> *
>
> *3 – Contatta e partecipa alle iniziative e ai lavori dei Comitati locali – qui trovi l’elenco <http://stop-ttip-italia.net/i-contatti-e-i-comitati-locali/>*
>
> *4 – Aiutaci a diffondere la posizione di Stop TTIP Italia <http://stop-ttip-italia.net/voto-a-strasburgo-e-isds-la-posizione-stop-ttip-italia/> sul voto all’Europarlamento*
>
> *5 – Segui la diretta da Strasburgo <http://ec.europa.eu/avservices/ebs/schedule.cfm?sitelang=en&page=3&institution=0&date=07/07/2015> il 7 e l’8 luglio e verifica il lavoro degli Europarlamentari*
>
> Non è servito a nulla il 10 giugno scorso il reinvio alla Commissione Commercio Internazionale (INTA) del testo della Relazione Lange ed i rispettivi emendamenti che si sarebbero dovuti votare nell’aula dell’Europarlamento di Strasburgo, annullando voto e dibattito interno. Il disperato tentativo di evitare un’ulteriore spaccatura nel gruppo dei Socialdemocratici, che avrebbe potuto portare all’approvazione di emendamenti sgraditi allo schieramento proTTIP, si è infranto sugli scogli della democrazia lo scorso 29 giugno, quando la Commissione INTA ha reinviato al voto in Plenaria il testo della Relazione corredato di 113 emendamenti sui 116 iniziali.
> *E così il prossimo 7 e 8 luglio all’Europarlamento si riparlerà di TTIP e dei suoi effetti sul futuro dei cittadini e delle cittadine europei […]
> *
>
> *Continua su http://stop-ttip-italia.net/il-7-e-8-luglio-il-ttip-torna-a-strasburgo-ecco-cosa-puoi-fare-tu/*

LA FAO dovrebbe sostenere la selezione dei semi da parte dei contadini e piccoli agricoltori e condannare la confisca, attraverso il brevetto dei geni, della Biodivesità coltivata

 La Via Campesina, Guy Kastler 16/02/2016

 (traduzione di Antonio Lupo)

 

Era da aspettarselo che, per discutere il tema delle biotecnologie, la FAO avrebbe invitato coloro che stanno utilizzando le biotecnologie nella ricerca e nell'industria.

Tuttavia, era assolutamente imprevedibile che la FAO, nel condurre le proprie discussioni sulla politica pubblica e la politica alimentare, si rivolgesse quasi esclusivamente a questi stessi attori, mentre, allo stesso tempo, un numero molto elevato di contadini, coltivatori su piccola scala, le organizzazioni della società civile che si oppongono allo sviluppo incontrollato delle biotecnologie, non sono stati invitati a parlare - o solo in modo molto marginale, attraverso l'invito che mi è stato inviato. Le organizzazioni in questione hanno rilasciato una dichiarazione pubblica che vi sto chiedendo di prendere in considerazione.

 

Le piante geneticamente modificate non hanno rispettato le loro promesse.

Special Issue, 7 May 2015

 

Editorial

 APBREBES Working Paper #1: Global, Profitable, Secret? DNA Fingerprints for Enforcement of UPOV’s Plant Variety Protection

 According to the UPOV Conventions, it is up to member states to provide for appropriate legal remedies for the effective enforcement of the Conventions. But UPOV member states are being expected to play a crucial role in providing expensive technical and administrative infrastructure, as well as legally questionable confidentiality arrangements, in order to enable already powerful seed companies to enforce royalty income on the basis of evidence from DNA fingerprints of suspected seeds or plant material.